Ponte termico, cosa è e come eliminarlo

Ponte termico, cosa è e come eliminarlo

Ciao a tutti, sono Eddy Gattafoni ed oggi voglio scrivere questo articolo per spiegarvi nel dettaglio cos’è un ponte termico e quali sono le soluzioni per evitare problemi.

Il ponte termico, per definizione, non è altro che una via di fuga per il calore.

Questi ponti termici che rendono la casa fredda ed umida sono generalmente collegati al davanzale della finestra in assenza di materiali isolanti.

Basti pensare ai vecchi piani in pietra, granito o marmo, che piuttosto che garantire isolamento facevano l’esatto contrario.

Il calore potrebbe prendere quei davanzali e spingersi verso l’esterno in quanto materiali conduttori.

Vien da se che queste problematiche oltre che creare disagio, muffe e condense portano un dispendio energetico che ci svuota il portafoglio.

Laddove c’è un ponte termico, ci sono muffa e condensa.

Se la tua casa è isolata non a 360° ma a 359° avrai comunque un ponte termico che riuscirà, anche da solo, a provocare muffa e condensa.

Il ponte termico non è altro che un punto debole e, anche se piccolo, ti darà un’infinità di problemi.

Ponte termico

Come risolvere il ponte termico?

1. Nuova costruzione

2. Ristrutturazione

3. Sostituzione

Quando parliamo di nuova costruzione, nel primo caso, dovremo unicamente affidarci ad un buon progettista che con l’aiuto di un bravo consulete per infissi riuscirà ad evitare al 100% la formazione di ponti termici.

Se il progettista che hai scelto non sembra neanche accennare al problema, cambia professionista!

Nel caso invece di ristrutturazione il tuo referente sarà l’artigiano che lavorerà nella tua abitazione.

Un bravo professionista sa che il problema si risolve con l’equilibrio.

Volendo ad esempio riprendere il problema più comune, quello della lasta di marmo, la soluzione sarebbe quella di effettuare un taglio ed un isolamento sopra il quale poi si andrà a montare l’infisso.

Un’altra soluzione potrebbe essere mantenere il piano in marmo dividendolo a metà dove nel mezzo, a dividere, ci sarebbe il materiale isolante che non permetterebbe più che il freddo o il caldo possano entrare o uscire da lì.

Si eliminerà così la continuità tra la temperatura esterna ed interna.

E’ un lavoro piuttosto semplice grazie all’utilizzo di alcuni macchinari che lasceranno poche tracce dell’itervento.

Altro punto debole e troppo spesso dimenticato è il cassonetto.

L’infisso potrà essere dei migliori ma se il cassonetto non è equilibrato alla qualità dell’infisso, è garantita muffa e condensa.

Il cassonetto è un ponte termico perfetto che riuscirà a far scomparire il tepore della tua abitazione sostituendolo ad un freddo glaciale.

Quando parliamo invece di sostituzione, purtroppo, bisogna intervenire drasticamente.

Spesso il ponte termico è causato dal controtelaio metallico, il ponte termico peggiore.

Il ferro è conduttore e nulla se non una “distruzione” riuscirà a risolvere il ponte termico.

Si dovrà procedere eliminando il controtelaio metallico e sostituendolo ad un controtelaio migliore, di ultima generazione.

Questi sono solo 3 dei ponti termici più comuni ma un professionista potrà eseguire un’analisi dettagliata della tua situazione ed aiutarti a risolvere il tuo problema!

Total Page Visits: 650

Correlati

Come oscurare le finestre?

Come oscurare le finestre?

È possibile sostituire le finestre senza opere murarie?

È possibile sostituire le finestre senza opere murarie?

Come aumentare la luminosità di un’abitazione

Come aumentare la luminosità di un’abitazione

Spifferi da finestre e porte: come risolverli una volta per tutte

Spifferi da finestre e porte: come risolverli una volta per tutte

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *